Mi presento

fedrigo

Il mio nome è Giulia Fedrigo, e svolgo la professione di Logopedista e di Musicoterapeuta.

Da sempre mi affascina il mondo della comunicazione, e, dopo un percorso scientifico superiore, ho deciso di iniziare a formarmi nel campo delle discipline d’aiuto, e di frequentare il corso di Logopedia presso l’Università degli Studi di Verona. Nel novembre 2009 mi sono laureata,  con voto 110/110 e lode, in Logopedia con una tesi intitolata “L’analisi acustica della coarticolazione e delle durate nel parlato di un bambino a rischio di balbuzie” condotta presso il CNR di Padova seguendo una sperimentazione del Prof. Zmarich.
Al termine di questo iniziale percorso universitario, decisi di approfondire il tema della balbuzie con un’esperienza condotta al City Literary Institute di Londra, nel trattamento di persone adulte balbuzienti, e seguendo un corso di formazione sul trattamento logopedico del bambino balbuziente secondo il programma Lidcombe.

La breve esperienza all’estero, fatta di formazione e di condivisione di esperienze con colleghi anglosassoni,  mi ha dato modo di ampliare i miei orizzonti in termine di approccio terapeutico, e mi ha fornito ottimi suggerimenti da applicare al mio fare terapia.

Al ritorno in Italia ho iniziato a lavorare nel campo della disabilità grave. Contemporaneamente a questo iniziavo ad occuparmi di problematiche legate alla disfagia in ambito evolutivo,  neurodegenerativo e involutivo.

È stato proprio nel lavoro a stretto contatto con situazioni nelle quali la comunicazione e la relazione erano difficili, che è nato in me il desiderio di ricerca di uno strumento che potesse favorire la relazione ancor prima delle parole. L’amore per la musica e la formazione personale in questo campo, mi hanno illuminato la via indirizzandomi verso una formazione di tipo Musicoterapico.
Nel 2010  ho iniziato il percorso di formazione in Musicoterapia presso il Conservatorio E.F. Dall’Abaco di Verona, laureandomi nel Febbraio 2012 con votazione 110/110 e lode e presentando la tesi “Musicoterapia e Adolescenza: stato dell’arte ed esperienze”, che ho presentato alla IX° Conferenza Europea di Musicoterapia (EMTC, Agosto 2013, Oslo).

Attualmente sto perfezionando la mia formazione in musicoterapia presso l’Università di Aalborg, Danimarca, dove a breve conseguirò il titolo di Master universitario con una tesi su musicoterapia e bambino parlatore tardivo.

La decisione di aprire “L’albero dei linguaggi”, nasce dal desiderio di offrire uno spazio per la terapia che potesse calcare il mio modo di lavorare. L’idea è quella di creare uno spazio adeguato non solo alle necessità del bambino, ma anche a quelle della famiglia. Attualmente mi occupo di patologie e disturbi della comunicazione e del linguaggio in età evolutiva, campo nel quale la logopedia e la musicoterapia forniscono diversi strumenti di aiuto, del trattamento delle deglutizioni deviate, del trattamento della balbuzie in età evolutiva e della valutazione e trattamento dei DSA.

Dal 2014 sono parte del gruppo regionale AIDEE (Associazione Italiana Disprassia dell’Età Evolutiva).

Sul piano strettamente musicoterapico lavoro in diversi ambiti tra i quali bambini con difficoltà relazionali, ritardi dello sviluppo, ritardi di linguaggio e nello sviluppo dei prerequisiti alla comunicazione,  operando sia a livello individuale che in piccoli gruppi o nella coppia genitore-bambino.